area clienti

Sciopero generale del 16 dicembre 2021

10 Dicembre 2021

CGIL e UIL hanno proclamato, per il giorno 16 dicembre p.v., una giornata di sciopero generale per sostenere le proposte sindacali su precarietà, pensioni, fisco, lavoro e per la modifica della Legge di Bilancio, esonerando però dall’astensione collettiva il settore della sanità pubblica e privata, comprese le RSA, al fine di salvaguardare il diritto prioritario alla salute dei cittadini in questa fase di emergenza pandemica. 

In data 6 dicembre 2021, tuttavia, le Federazioni Nazionali FP CGIL e UIL FPL hanno comunicato l’adesione al predetto sciopero limitatamente alle “aziende associate o che applicano un CCNL sottoscritto da Aris e/o Aiop per tutti i servizi e le attività escluse quelle “sanitarie” e le RSA”. 

Secondo quanto comunicato per le vie brevi dalle Segreterie Nazionali delle citate Federazioni, la volontà delle stesse sarebbe stata quella di includere nello sciopero anche il personale dei centri di riabilitazione, sebbene si tratti di strutture appartenenti a tutti gli effetti alla sanità privata, ancorché di area territoriale e non ospedaliera. 

Nondimeno, la Commissione di Garanzia, con nota prot. 0014849 del 9 dicembre u.s., su sollecitazione dell’ARIS, ha confermato che lo sciopero del 16 dicembre p.v. non riguarda le strutture che “erogano prestazioni sanitarie (ivi incluse quelle fisioterapiche)”, invitando pertanto CGIL e UIL “ad escludere, dallo sciopero generale proclamato, tutte le aziende associate o che applicano il CCNL ARIS/AIOP”. 

Allo stato attuale, pertanto, deve ritenersi che non sarà necessario attivare, per la data del 16 dicembre, le procedure per l’individuazione dei contingenti minimi, sebbene – per completezza – non risulta che le predette OO.SS. abbiano ancora dato seguito all’invito della Commissione di Garanzia. 

Potrebbe interessarti anche
Diritto sindacale
Fondazione Giglio: sottoscritto l’accordo per la detassazione dei premi di risultato
Il 17 giugno 2021, presso la Fondazione Giglio di Cefalù, i rappresentanti dell...
1 min
Diritto sindacale
Il sindacato non può chiedere i nominativi dei dipendenti.
La recente pronuncia della Suprema Corte di Cassazione n. 14060 del 23 maggio 20...
2 min
Diritto sindacale
Il lavoratore assente non è automaticamente un lavoratore scioperante.
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9028 del 1° aprile 2019, ha stabilit...
2 min
Diritto sindacale
Legittimo il licenziamento per abuso di permessi sindacali.
Con la recente sentenza n. 4943 del 20 febbraio 2019, la Cassazione ha espresso ...
2 min
Diritto sindacale
La Corte Costituzionale ridefinisce i criteri per la rappresentatività in azienda?
1. Premesse Dopo la sentenza del 3 luglio 2013 della Corte Costituzionale, i giu...
5 min