area clienti

Responsabilità dell’INPS per errate informazioni all’assicurato sui requisiti pensionistici.

24 Gennaio 2014

Soprattutto nel periodo attuale, di grande confusione sui requisiti per il conseguimento dei trattamenti previdenziali, in più occasione modificati dal legislatore, si pone la necessità di tutelare il lavoratore che compia scelte importanti, quando non irreversibili, in ragione delle informazioni acquisite dall’Ente previdenziale in ordine al conseguimento del diritto al trattamento previdenziale.

Sul punto, è recentemente intervenuta la Suprema Corte con una significativa pronuncia (Cass. 21454/2013), di particolare interesse in quanto modificativa del precedente orientamento in materia.
Nel caso di specie, un lavoratore si era indotto a rendere le dimissioni dal proprio posto di lavoro a seguito di informazioni contenute in un estratto conto assicurativo, reso senza formalità dall’Inps, nel quale risultava raggiunto il requisito contributivo per accedere alla pensione di anzianità.
Successivamente, tuttavia, a seguito di più approfonditi accertamenti, si rilevava l’erroneità di tali informazioni, con conseguente richiesta risarcitoria del lavoratore, rimasto senza lavoro e senza pensione.
Il giudice di primo grado accoglieva la domanda del lavoratore, che viceversa veniva rigettata in appello, sulla considerazione – propria peraltro dell’allora vigente orientamento della giurisprudenza di legittimità – che le informazioni acquisite non avevano valore certificativo, oltre che in forza del ritenuto concorso di colpa dell’assicurato, reo di non aveva prestato alcuna attenzione alle espressioni cautelative contenute nell’estratto conto, che lo invitavano a verificare le informazioni fornite.

La Suprema Corte, premessa la natura contrattuale del risarcimento del danno causato dall’Inps per errate informazioni sui requisiti pensionistici, rammenta il proprio (recente) precedente orientamento in termini (Cass. 7683/2010), a mente del quale si era statuita l’inesistenza di responsabilità in capo all’Inps per le errate informazioni contenute in un informale estratto conto, in quanto rese al di fuori del procedimento ex art. 54, l. 88/89, solo nell’ambito del quale viceversa l’Ente rende una vera e propria certificazione, impegnativa nei confronti dell’assicurato.
Gli Ermellini tuttavia, nella fattispecie in esame, superano il loro precedente orientamento, affermando che il principio di tutela del legittimo affidamento costituisce principio generale dell’ordinamento, valido nei rapporti tra privati come in quelli tra cittadino e pubblica amministrazione, con la conseguenza che quest’ultima deve garantire, sia nell’esercizio dei poteri autoritativi sia nell’ambito dei rapporti contrattuali, l’affidamento e l’attendibilità delle sue dichiarazioni.

La Corte giunge finanche ad affermare che la pubblica amministrazione, in ossequio ai principi di buona fede e correttezza, non dovrebbe rendere informazioni errate o dichiaratamente approssimative, atteso che è dotata di poteri di indagine e certificazione che le consentono di rendere informazioni corrette, e ciò deve ritenersi valido anche quando le informazioni siano rese al di fuori di uno specifico procedimento amministrativo, come nel caso dell’estratto conto assicurativo.
Così chiarita inequivocabilmente la responsabilità dell’Inps nel caso in questione, la Corte di Cassazione rileva, tuttavia, che – al fine di quantificare il risarcimento del danno lamentato – andrà valutata l’incidenza della condotta del lavoratore, che ha concorso nella determinazione del danno, per non aver tenuto in alcun conto gli avvertimenti contenuti nell’estratto conto.
Anche il cittadino, quindi, è onerato – nei limiti delle proprie possibilità e dell’ordinaria diligenza e senza che ciò possa comportare attività gravose o eccezionali – di un controllo delle informazioni rese dalla pubblica amministrazione, in ossequio al principio di doverosa collaborazione del creditore ex art. 1227, co. 2, c.c.

Potrebbe interessarti anche
Fisco, welfare e previdenza
Quota 103, i chiarimenti per l’anno 2024
Con circolare n. 39 del 27 febbraio u.s., l’INPS ha fornito le istruzioni oper...
3 min
Fisco, welfare e previdenza
Esonero contributivo per i datori di lavoro in possesso della certificazione per la parità di genere entro il 31 dicembre 2023
Con il messaggio n. 4614 del 21 dicembre scorso – che fa seguito alla preceden...
3 min
Fisco, welfare e previdenza
Prestiti ai dipendenti: il “Decreto Anticipi” cambia la tassazione
La legge n. 191 del 15 dicembre 2023, di conversione del decreto legge n. 145 de...
1 min
Fisco, welfare e previdenza
Quota 103: incentivo al posticipo del pensionamento, chiarimenti e nuove istruzioni
La circolare INPS n. 82 del 22 settembre u.s. fornisce importanti indicazioni ci...
3 min
Fisco, welfare e previdenza
Auto elettrica in uso promiscuo: tassazione dei rimborsi per la ricarica
Con nota n.421/2023 l’Agenzia delle Entrate, in risposta ad un interpello form...
3 min