area clienti

Limitazioni al lavoro notturno per il genitore vedovo di un figlio di età inferiore a 12 anni

3 Luglio 2014

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, su istanza di interpello avanzata dall’Aris, ha emesso – in data 26 giugno 2014 – l’interpello n. 18/2014 con cui ha chiarito se sussista o meno il diritto del genitore vedovo di un figlio convivente di età inferiore a 12 anni di rifiutare la prestazione notturna.

La necessità di richiedere chiarimenti al Ministero è sorta in conseguenza del fatto che la disposizione legislativa contenuta all’art. 11, comma 2, lettera b), del d.lgs. n.66/2003 prevede soltanto il diritto di rifiutare la prestazione di lavoro notturno da parte della lavoratrice o il lavoratore che sia “l’unico genitore affidatario” di un figlio convivente di età inferiore a dodici anni, senza specificare altro.
Atteso che la condizione del genitore vedovo – seppure di fatto analoga – non è tuttavia identica a quella dell’unico genitore affidatario (che fa riferimento ai casi in cui sussista un provvedimento giudiziario di affidamento del minore), si è posto il problema di stabilire se il datore di lavoro potesse prescrivere il lavoro notturno ad un genitore vedovo ricadente nella condizione sopra descritta, senza esporsi al rischio di incorrere nelle pesanti sanzioni previste dalla vigente normativa (ovvero l’arresto da due a quattro mesi o l’ammenda da 516 a 2.582 euro).
Peraltro, sul punto, si era pure espressa la Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro, con nota del 24 ottobre 2012, sostenendo che “l’esenzione dal lavoro notturno non riguarda i genitori rimasti vedovi”.

Pur tuttavia, considerata l’urgenza di arrivare ad un’interpretazione autentica, in considerazione delle gravi conseguenze cui poteva esporsi il datore di lavoro che non tenesse conto dell’eventuale dissenso posto dal lavoratore vedovo a svolgere le proprie mansioni nel periodo notturno, si è ritenuto necessario formulare istanza di interpello al Ministero del Lavoro, il quale ha risposto in maniera inequivocabile che “la situazione prospettata dall’istante, ovvero quella del genitore vedovo di figlio convivente di età inferiore a dodici anni, rientri tra le possibili figure di “unico genitore affidatario” contemplata dalla norma in esame, la quale evidentemente è principalmente volta alla tutela del minore”.
Per completezza si propone – di seguito – il testo integrale dell’interpello 18/2014.

Download interpello

 

Potrebbe interessarti anche
Gestione del rapporto di lavoro
Quale ccnl per i lavoratori in appalto?
Il decreto PNRR (d.l. 19/2024, convertito in l. 56/2024), tra i vari temi, è in...
3 min
Gestione del rapporto di lavoro
I nuovi incentivi all’assunzione previsti dal cd. Decreto Coesione
Nella Gazzetta Ufficiale n. 105 del 7 maggio 2024 è stato pubblicato il d.l. n....
3 min
Gestione del rapporto di lavoro
Le conseguenze della mancata indicazione del diritto di precedenza nel contratto a termine
L’art. 24 d.lgs. n. 81/2015 stabilisce che il lavoratore che, in esecuzione di...
3 min
Gestione del rapporto di lavoro
Come cambia l’orario di lavoro della dirigenza sanitaria pubblica?
Novità in vista per la dirigenza sanitaria pubblica (medica e non), per la qual...
2 min
Gestione del rapporto di lavoro
Part-time e riduzione dell’anzianità di servizio. Rischio discriminazione?
E’ discriminatoria l’automatica riduzione dell’anzianità di servizio in r...
2 min