area clienti

Lavoratrice madre, ultime novità in materia di risoluzione consensuale o dimissioni

31 Maggio 2022

L’art. 55, comma 4, del decreto legislativo n.151/2001 stabilisce che le dimissioni e/o le risoluzioni consensuali rese dalla lavoratrice in gravidanza e durante i primi tre anni di vita del bambino devono essere necessariamente convalidate presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro (ITL) competente, essendo l’efficacia delle stesse condizionata a tale adempimento.

Durante il periodo dell’emergenza sanitaria da Covid-19, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), con la nota Protocollo n. 2181/2020, aveva previsto, temporaneamente e fino al termine dell’emergenza sanitaria, una modalità di convalida alternativa per le dimissioni/risoluzioni delle lavoratrici madri, ovvero mediante la compilazione di un modulo on line scaricabile dal sito dell’INL.

La citata nota prevedeva, altresì, che il modulo venisse inviato alla sede competente per territorio dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro tramite posta elettronica in sostituzione del colloquio diretto della lavoratrice madre con il funzionario dell’Ispettorato del lavoro territorialmente competente.

Ebbene, con un recente comunicato pubblicato sul sito dell’INL lo scorso 19 maggio, l’Ispettorato ha reso noto che a seguito della cessazione del periodo emergenziale da Covid-19, non è più utilizzabile il modello di richiesta online di convalida delle dimissioni/risoluzioni in sostituzione del colloquio diretto della lavoratrice.

Tuttavia, è possibile effettuare il colloquio con il personale dell’ITL anche “a distanza”, con procedura alternativa a quella in presenza, attraverso la presentazione di un apposito modello di richiesta sempre disponibile online, che deve essere compilato in ogni sua parte e sottoscritto dalla lavoratrice interessata.

Il nuovo modulo deve, infine, essere trasmesso al competente Ufficio (individuato in base al luogo di lavoro o di residenza della lavoratrice interessata) mediante posta elettronica.

Al suddetto modulo occorre anche allegare copia di un valido documento di identità (da esibire anche in occasione del colloquio online) e della lettera di dimissioni/risoluzione consensuale presentata al datore di lavoro, debitamente datata e firmata.

Potrebbe interessarti anche
Cessazione del rapporto di lavoro
Licenziamento, alla fine è sempre il giudice che valuta la condotta che l’ha determinato. Nessun automatismo da Ccnl
“La riconducibilità dell’addebito alle disposizioni del Contratto Collettiv...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Licenziamento collettivo, reintegra se la comunicazione è incompleta
Con la sentenza n. 9800 del 25 marzo 2022, la Suprema Corte di cassazione si è ...
2 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Inidoneità del lavoratore disabile e obbligo di repêchage
Torna di attualità il tema degli “accomodamenti ragionevoli” che il datore ...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Dirigente può essere licenziato se viene turbato il vincolo fiduciario sulla base della nozione di “giustificatezza”
La Suprema Corte di Cassazione, con la recente ordinanza n. 2246 del 26 gennaio ...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Il ritardo nella comunicazione della sanzione disciplinare comporta conseguenze di tipo risarcitorio
La Suprema Corte di Cassazione con l’interessante recente ordinanza n. 27935 d...
2 min