area clienti

La Corte Costituzionale dichiara illegittimo il contratto a tutele crescenti

26 Settembre 2018

Dopo soli tre anni dall’entrata in vigore, la principale innovazione del jobs act (ovvero il contratto a tutele crescenti) viene di fatto neutralizzata.

L’eccezione di incostituzionalità sollevata dal Tribunale di Roma è infatti stata accolta dalla Corte Costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità dell’articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n. 23/2015 nella parte in cui parametra l’indennità per il licenziamento illegittimo alla sola anzianità di servizio, ritenendo tale regime contrario «ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza e contrasta con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 della Costituzione».

Naturalmente, non appena sarà reso noto il testo ufficiale del provvedimento, verranno pubblicati ulteriori approfondimenti

Potrebbe interessarti anche
Cessazione del rapporto di lavoro
Jobs Act: reintegra sul posto di lavoro in tutti i casi di nullità del licenziamento
Con sentenza n. 22 del 20 febbraio 2024, la Consulta ha dichiarato l’illegitti...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Licenziamenti collettivi: legittima la tutela risarcitoria introdotta dal Jobs Act
Con sentenza n. 7 del 22 gennaio 2024, la Corte Costituzionale ha dichiarato non...
2 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Il ticket di licenziamento e il massimale NASpI per il 2024
La legge 92 del 28 giugno 2012 stabilisce che in caso di interruzione dal 1° ge...
2 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Licenziamento della lavoratrice madre legittimo in caso di definitiva e totale cessazione dell’attività aziendale
L’art. 54 del decreto legislativo 151/2001 stabilisce un divieto generale di l...
2 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Sì alla reintegra anche per il pensionato a seguito di cessione illecita di ramo d’azienda
Il conseguimento della pensione di anzianità non impedisce la reintegra del lav...
3 min