area clienti

La Corte Costituzionale dichiara illegittimo il contratto a tutele crescenti

26 Settembre 2018

Dopo soli tre anni dall’entrata in vigore, la principale innovazione del jobs act (ovvero il contratto a tutele crescenti) viene di fatto neutralizzata.

L’eccezione di incostituzionalità sollevata dal Tribunale di Roma è infatti stata accolta dalla Corte Costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità dell’articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n. 23/2015 nella parte in cui parametra l’indennità per il licenziamento illegittimo alla sola anzianità di servizio, ritenendo tale regime contrario «ai principi di ragionevolezza e di uguaglianza e contrasta con il diritto e la tutela del lavoro sanciti dagli articoli 4 e 35 della Costituzione».

Naturalmente, non appena sarà reso noto il testo ufficiale del provvedimento, verranno pubblicati ulteriori approfondimenti

Potrebbe interessarti anche
Cessazione del rapporto di lavoro
Licenziamento, alla fine è sempre il giudice che valuta la condotta che l’ha determinato. Nessun automatismo da Ccnl
“La riconducibilità dell’addebito alle disposizioni del Contratto Collettiv...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Lavoratrice madre, ultime novità in materia di risoluzione consensuale o dimissioni
L’art. 55, comma 4, del decreto legislativo n.151/2001 stabilisce che le dimis...
1 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Licenziamento collettivo, reintegra se la comunicazione è incompleta
Con la sentenza n. 9800 del 25 marzo 2022, la Suprema Corte di cassazione si è ...
2 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Inidoneità del lavoratore disabile e obbligo di repêchage
Torna di attualità il tema degli “accomodamenti ragionevoli” che il datore ...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Dirigente può essere licenziato se viene turbato il vincolo fiduciario sulla base della nozione di “giustificatezza”
La Suprema Corte di Cassazione, con la recente ordinanza n. 2246 del 26 gennaio ...
3 min