area clienti

Esenzione dalle fasce di reperibilità

1 Aprile 2016

Sulla Gazzetta Ufficiale del 21 gennaio u.s. è stato pubblicato il d.m. 11 gennaio 2016, con il quale il Ministro del Lavoro, in attuazione di quanto previsto dal Jobs Act (art. 25 d.lgs. 151/2015), ha individuato i lavoratori che – nel settore privato – sono esonerati dal rispetto delle c.d. fasce di reperibilità.

Come noto, ai sensi del d.m. 15 luglio 1986, i dipendenti privati, in caso di malattia, sono tenuti a rendersi reperibili presso il domicilio per le eventuali visite di controllo disposte dall’Inps (d’ufficio o su richiesta del datore di lavoro) tutti i giorni, compresi i domenicali o festivi, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19.
Con riferimento al pubblico impiego, invece, tali fasce sono state ampliate con d.m. 18 dicembre 2009, cosicché i lavoratori delle p.a., in caso di malattia, sono tenuti rendersi reperibili presso il proprio domicilio tutti i giorni, dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18.
Nel settore pubblico, inoltre, il suddetto decreto ministeriale aveva già previsto specifici casi in cui il lavoratore era esonerato dal rispettare il suddetto obbligo, ma tale disciplina non trovava applicazione nei confronti dei lavoratori privati.

Ciò posto, con il decreto in esame il Ministero, sulla base di quanto previsto dal citato d.lgs. 151/2015, è intervenuto al fine di individuare “le esenzioni dalla reperibilità per i lavoratori subordinati dipendenti dai datori di lavoro privati”, prevedendo che sono esclusi da detto obbligo i dipendenti per i quali l’assenza è eziologicamente riconducibile ad una delle seguenti circostanze:
a) patologie gravi che richiedono terapie salvavita risultanti da idonea documentazione, rilasciata dalle competenti strutture sanitarie, che attesti la natura della patologia e la specifica terapia da effettuare;
b) stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta che abbia determinato una riduzione della capacità lavorativa in misura pari o superiore al 67%.

Con tale intervento normativo – seppur con il meritevole intento di definire regole chiare, al fine di evitare che l’incertezza sulla sussistenza o meno dell’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità frustri, di fatto, le esigenze sia del datore di lavoro, sia del dipendente – il Governo ha, tuttavia, ampliato la discriminazione cui, come da anni denunziato dall’Aris, devono soggiacere i datori di lavoro privati rispetto alla pubblica amministrazione, la quale, come sopra evidenziato, a fronte della previsione delle esenzioni di cui trattasi, ha beneficiato di un significativo ampliamento delle fasce di reperibilità.
Il Decreto in esame, pertanto, rende ancor più urgente che il Dicastero competente provveda quanto prima ad adottare tutti i provvedimenti normativi necessari al fine di rimuovere tale evidente disparità di trattamento.

Potrebbe interessarti anche
Cessazione del rapporto di lavoro
Dimissioni dei genitori durante il periodo protetto: nuovi chiarimenti dell’INL con nota dell’8 maggio 2024
Nell’ipotesi di dimissioni volontarie rese da genitori con figli minori di 3 a...
2 min
Cessazione del rapporto di lavoro
L’obbligo di repêchage: al dipendente non spetta la formazione al fine del suo ricollocamento in azienda
Il 19 aprile 2024 è stata emessa un’interessante ordinanza dalla Corte di cas...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Jobs Act: reintegra sul posto di lavoro in tutti i casi di nullità del licenziamento
Con sentenza n. 22 del 20 febbraio 2024, la Consulta ha dichiarato l’illegitti...
3 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Licenziamenti collettivi: legittima la tutela risarcitoria introdotta dal Jobs Act
Con sentenza n. 7 del 22 gennaio 2024, la Corte Costituzionale ha dichiarato non...
2 min
Cessazione del rapporto di lavoro
Il ticket di licenziamento e il massimale NASpI per il 2024
La legge 92 del 28 giugno 2012 stabilisce che in caso di interruzione dal 1° ge...
2 min