“Punizione dei ribelli” dipinto murale realizzato tra il 1481 e il 1482 dal pittore italiano Sandro Botticelli conservato nella Cappella Sistina

Articoli

02 Luglio 2021

Proroga dello smartworking in forma semplificata

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 22 giugno u.s. la Legge n. 87/2021, rubricata “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, recante misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19“.

Nel settore privato, il cd. decreto Riaperture prevede un’ulteriore proroga al 31 dicembre 2021 del termine per l’utilizzo della procedura semplificata di adesione allo smartworking, secondo cui i datori di lavoro potranno ricorrere al lavoro agile, nel rispetto dei principi dettati in materia dalla normativa vigente, anche in assenza dell’accordo individuale con il lavoratore, ordinariamente previsto dall’art. 21 della l. 81/2017.

A tal proposito, si rammenta che il datore di lavoro può assolvere gli obblighi di informativa in materia di salute e sicurezza – di cui all’art. 22 della medesima L. n. 81/2017 – in via telematica, ricorrendo alla documentazione disponibile sul sito internet INAIL.

Le modalità di comunicazione del lavoro agile restano quelle previste dall’art. 90, commi 3 e 4, del d.l. 19 maggio 2020, n. 34, convertito in L. n. 77 del 17 luglio 2020, per cui sarà possibile ricorrere alla procedura semplificata già in uso, con modulistica e applicativo informatico resi disponibili dal Ministero del Lavoro.

In proposito, si evidenzia che – allo stato – il portale Cliclavoro non permette di modificare la comunicazione di adesione allo smartworking precedentemente caricata e, pertanto, il datore di lavoro che intenda continuare ad aderire al lavoro agile in forma semplificata dovrà depositare una nuova comunicazione, ex art. 23 L. 81/2017, ove indicare il nuovo termine del periodo di validità.

Infine, si segnala che a seguito della conversione del c.d. Decreto Riaperture è stato abrogato il d.l. 30 aprile 2021, n.56 intervenuto sulla disciplina dello smartworking nella P.A., con assorbimento delle relative disposizioni nel testo convertito in legge.

Proroga dello smartworking in forma semplificata
Costantino&partners
Send this to a friend