“Punizione dei ribelli” dipinto murale realizzato tra il 1481 e il 1482 dal pittore italiano Sandro Botticelli conservato nella Cappella Sistina

Articoli

09 ottobre 2018

Soppressione del posto di lavoro e scelta del lavoratore da licenziare.

Con una recente sentenza (21438/18) la Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi nuovamente in merito alla legittimità di un licenziamento per giustificato motivo oggettivo irrogato ad un dipendente per soppressione del ramo produttivo a cui era addetto.

La Corte d’Appello di Firenze, confermando la sentenza di primo grado, condannava la società datrice di lavoro corrispondere al dipendente una indennità risarcitoria pari a sei mensilità per non avere la stessa dimostrato le ragioni per cui la scelta del lavoratore da licenziare non fosse ricaduta su altri addetti alle medesime mansioni e con minore anzianità servizio.

Questo contenuto è privato

Per visualizzarlo è necessario sottoscrivere uno degli abbonamenti.

Costantino&partners

Articoli Correlati

Send this to a friend