“Punizione dei ribelli” dipinto murale realizzato tra il 1481 e il 1482 dal pittore italiano Sandro Botticelli conservato nella Cappella Sistina

Articoli

18 luglio 2014

Il Ministero del Lavoro si pronuncia (in maniera discutibile) sul contributo del 2% previsto in favore dell’Enpam

Il Ministero del Lavoro, nel rispondere ad un interpello avanzato dall’Enpam in ordine alla certificazione del corretto assolvimento degli obblighi contributivi gravanti sulle società operanti in regime di accreditamento con il SSN ha espresso alcune considerazioni in ordine all’obbligo previsto dall’art. 1, co. 39, L. 243/2004 invero non del tutto condivisibili.
La norma citata prevede, come noto, che le società professionali mediche ed odontoiatriche, in qualunque forma costituite, e le società di capitali, operanti in regime di accreditamento col Servizio sanitario nazionale (con esclusione, dunque, di Onlus, Cooperative, Associazioni, Fondazioni, e Istituti gestiti da Ordini Religiosi, che non sono in alcun modo ascrivibili tra i destinatari della disposizione citata) debbano versare all’ENPAM un contributo pari al 2 per cento del fatturato annuo, attinente alle prestazioni specialistiche rese nei confronti del Servizio sanitario nazionale.

Questo contenuto è privato

Per visualizzarlo è necessario sottoscrivere uno degli abbonamenti.

Costantino&partners

Articoli Correlati

Send this to a friend